Home RecSando

v3.0org

Connessi:

 sabato 18 maggio 2024 Ore: 11:43

MENU FORUM

Lista Forum
Ricerca Veloce
Config. Ric. Veloce
Argomenti HOT!
 

Forum
Registro Utenti
Agenda Eventi
Rec-Cartoline
Rassegna Stampa
Rec-Sondaggi
RecScatto
Novità del Sito
Cerco-Offro

Musica
Fumetti
Mistika
X non Dimenticare
Protezione Civile
Cucina
Canale Arte
Multimedia

Associazioni
Biblioteche
Città
Comitati
Commercio
Farmacie
Mercati
Metropolitana
Norme & Leggi
Numeri Utili 
Orari Trasporti
Parrocchie
Pulizia Strade
Ricorrenze
Sanità e Salute
Scuole
SDM in Rete
Sommario

Cerca nel Sito
Meteo

Chi siamo
Rec-Eventi
Speciali RecSando

FORUM DI DISCUSSIONE

FORUM: Letture

<<precedente | <prec. in argomento | invia | stampa | succ. in argomento> | successivo >>
[libro] Le navi di Pavlov  (mes #106874)
di Nicola Gargamelli il 30/08/2013 17:17:39

messaggio letto 1326 volte
0 risposte

Autore: Frederick Pohl
Titolo: Le navi di Pavlov (Titolo originale: Slave Ship)
Editore: Mondadori, Urania Classici Fantascienza n° 33
Altro: Traduttore: Mario Galli, Prima edizione originale: 1957, Edizione Urania: 1979, p. 160

Voto personale: 6/10

Racconto lungo o romanzo breve, fate voi, la storia è molto semplice e senza grandi sorprese. Ambientato in un futuro prossimo (seconda metà del XX secolo) il Tenente di Vascello Logan Miller ci racconta le sue avventure durante una interessante situazione geopolitica della Terra:

------
" La chiamavano guerra fredda. Ma quattordici milioni di nostri uomini la stavano scaldando in Europa combattendo contro circa venti milioni dei loro. Le nostre perdite di terra erano relativamente basse, solo pochi milioni.

E non c'era stato di guerra.

C'era soltanto questa piccola cosa: le nostre truppe stavano uccidendo nemici dai Pirenei al Mar Bianco in locali azioni di polizia.

Comunque si trattava di una guerra, però non nel vecchio senso della parola. Per prima cosa, non c'era una nazione contro un'altra come si usava quando tutto era più semplice. Era una confederazione, le Nazioni Unite, contro una chiesa militante, i Caodai. Questi erano una religione, non uno Stato. Si dava il caso che fossero una religione con Esercito, Marina e bombe nucleari. Come si può dichiarare guerra contro una religione? "
-------

Avete capito bene: non una guerra fra blocchi politici, ma una specie di guerriglia fra fazioni religiose. Se vi ricordano i talebani della nostra realtà non siete molto lontani. Di fatto tutto il mondo è in guerra. Il nostro Logan Miller parteciperà ad un progetto militare strano: trovare il modo di comunicare con gli animali per usarli a scopi militari (progetto Mako). I lettori lo seguiranno su questa linea. Nel frattempo succedono cose strane: alcuni uomini cadono a terra inspiegabilmente fulminati (il glotch). Si pensa ovviamente ad un'arma segreta del nemico, ma per sapere cosa sia realmente dovrete leggere fino alla fine.

Buona lettura!
<<precedente | <prec. in argomento | invia | stampa | succ. in argomento> | successivo >>

Rispondi
**Per rispondere devi effettuare il login: clicca qui **


  anteprima

Segui la discussione:
30/08/2013 - [libro] Le navi di Pavlov (Nicola Gargamelli) 1 messaggio

 

RecSando non è responsabile del contenuto dei messaggi presenti nei forum e del loro uso,senza autorizzazione, fuori e dentro questo sito. Ogni inserzionista si assume la totale responsabilità dei messaggi inseriti. Se noti un messaggio non adatto segnalalo all'amministratore

Torna Su

RecSando (1995-2024) La tua Piazza Virtuale

rendering time: 0,08594s