Home RecSando

v3.0org

Connessi:

 sabato 30 settembre 2023 Ore: 20:52

Forum
Registro Utenti
Agenda Eventi
Rec-Cartoline
Rassegna Stampa
Rec-Sondaggi
RecScatto
Novità del Sito
Cerco-Offro

Musica
Fumetti
Mistika
X non Dimenticare
Protezione Civile
Cucina
Canale Arte
Multimedia

Associazioni
Biblioteche
Città
Comitati
Commercio
Farmacie
Mercati
Metropolitana
Norme & Leggi
Numeri Utili 
Orari Trasporti
Parrocchie
Pulizia Strade
Ricorrenze
Sanità e Salute
Scuole
SDM in Rete
Sommario

Cerca nel Sito
Meteo

Chi siamo
Rec-Eventi
Speciali RecSando

Canale Musica RecSando - "Il canale musica della Rete Civica di San Donato Milanese"

...bisogno di aiuto ? ...click over me :-)

Cerca la tua Musica 
(inserisci un gruppo/artista, un nome o una parola)

manda un email al Responsabile Canale Musica

 

 Discografia 

 Formazioni 

 Biografia 

 Home  

Biografia BALLETTO DI BRONZO

 

Balletto di Bronzo

 

Il primo album ufficiale del gruppo partenopeo si chiama "Sirio 2222", una piacevole miscelazione in equilibrio tra gli ultimi ricordi del post beat e la nuova ondata progressive; tra le canzoni tutte abbastanza "leggere" e consuete, spiccano "Meditazione", "Incantesimo" e "Missione Sirio 2222", per qualche timido spunto innovativo. Stinga e Aiello sono i responsabili di un radicale cambiamento dello stile del gruppo, rinnovato nel sound anche grazie all'ingresso nel gruppo del tastierista Gianni Leone, proveniente dai "Volti di Pietra / Città Frontale", il nucleo originario che diede poi "vita" al gruppo degli "Osanna". Per qualche tempo schierato a quintetto, il Balletto di Bronzo patisce poi le defezioni di Cecioni e Cupaiuolo e si sistema infine con un nuovo bassista, il romano Vito Manzari.

Il Balletto di Bronzo è originario di Napoli, vive nella sua esperienza musicale, due momenti ben distinti, il periodo  Post Beat documentato dagli Album SIRIO 2222 e IL RE DEL CASTELLO e il periodo  rock progressive, una svolta sinfonica operata con l'album YS. Il nucleo originario del Balletto di Bronzo si presenta in realtà sotto un'altra sigla, i " BATTITORI SELVAGGI ", comprende anche Raffaele Casone, che diventerà poi il presentatore del programma radiofonico che ebbe un incredibile notevole successo negli anni 70, " PER VOI GIOVANI ". Prenderanno quindi il nome di BALLETTO DI BRONZO, e a Roma registreranno alcune canzoni in lingua spagnola, tra le quali "Accidenti" e "Eternità", prese dal repertorio dei "Supergruppo" e "Camaleonti", canzoni rimaste per anni nei cassetti e riaffiorate poi nell'album dal titolo "Il Re del Castello". 

L' lp YS deve molto all'estro del tastierista Gianni Leone che porta al gruppo una ventata di aria nuova con utilizzo di numerose tastiere, tipiche del sound progressive ( organo, moog, mellotron, piano, spinetta). La vena artistica di Gianni Leone finisce anche per coinvolgere i compagni e il risultato è per molti versi notevole, con impasti corali di precisa fattura, difficili dialoghi tra tastiere e sezione ritmica, ma soprattutto uno sbalorditivo affiatamento. Interessanti anche i testi, opera del batterista Giancarlo " Gianchi" Stinga, con la collaborazione di Cristiano Minellono, cantati sulle proprie musiche e in maniera insolita da Gianni Leone. Moltissimi anche i concerti nei quali il Balletto di Bronzo riesce a dare una precisa esecuzione della difficile suite di YS, al Piper di Roma e in occasione di Controcanzonissima negli anni 1972  e 1973. Nel settembre del 73 dopo aver vissuto per qualche tempo insieme in un cascinale nei dintorni di Rimini, il gruppo annuncia la separazione; l'ultima iniziativa come Balletto di Bronzo è il singolo "La Tua Casa Comoda / Donna Vittoria", realizzato però dai soli Leone e Stinga. E' in quell'occasione che Gianni Leone verifica di potersi impegnare con successo a suonare vari strumenti e di poter fare a meno del gruppo; si trasferisce quindi a negli States con ambiziose idee solistiche. A New York, nella primavera del 1975 registra l'album dal titolo "Vero" che sarà pubblicato due anni più tardi sotto lo pseudonimo di LeoNero. Il disco  è diviso tra brani strumentali e cantati, e i testi parlano della solitudine e degli incubi dell'infanzia, la tragica favola dell'uomo bambino e bambino-uomo. Nei primi anni 80, dopo il singolo " Fremo", LeoNero  va a Los Angeles a realizzare un nuovo album dal titolo "Monitor", un album diviso tra pezzi rock eseguiti con musicisti americani e curiose divagazioni Sixties, una sorta di futuribile beat anni 80 (la cover di Piangi con Me, Tell Me Why e la strumentale Anaconda sono i motivi più riusciti). Dopo un altro singolo dal titolo (Indossa il mio colore / Stanchiamoci insieme ) Gianni Leone scrive altre canzoni (Discoclub e Un'eccitazione nuova).

Negli anni 90 il Balletto di Bronzo rivive nella pubblicazione di "Il Re del Castello" e "Introduzione/Secondo Incontro", quest'ultimo con canzoni tratte da YS e presentate in una inedita versione cantata in inglese.

Dopo molti anni di silenzio, una nuova edizione del Balletto di Bronzo, col solo  Gianni Leone della prima formazione, si ripropone al pubblico  con un nuovo album dal titolo  "Trys"(1998), che ripropone dal vivo il precedente Lp dal titolo "YS" più nuove composizioni.

Fonte principale: Enciclopedia del Rock Italiano a cura di Cesare Rizzi - Arcana Editrice

 

Torna Su

RecSando (1995-2023) La tua Piazza Virtuale

rendering time: 0,00000s