Home RecSando

v3.0org

Connessi:

 venerdė 29 settembre 2023 Ore: 10:16

Forum
Registro Utenti
Agenda Eventi
Rec-Cartoline
Rassegna Stampa
Rec-Sondaggi
RecScatto
Novitā del Sito
Cerco-Offro

Musica
Fumetti
Mistika
X non Dimenticare
Protezione Civile
Cucina
Canale Arte
Multimedia

Associazioni
Biblioteche
Cittā
Comitati
Commercio
Farmacie
Mercati
Metropolitana
Norme & Leggi
Numeri Utili 
Orari Trasporti
Parrocchie
Pulizia Strade
Ricorrenze
Sanitā e Salute
Scuole
SDM in Rete
Sommario

Cerca nel Sito
Meteo

Chi siamo
Rec-Eventi
Speciali RecSando

Canale Musica RecSando - "Il canale musica della Rete Civica di San Donato Milanese"

...bisogno di aiuto ? ...click over me :-)

Cerca la tua Musica 
(inserisci un gruppo/artista, un nome o una parola)

manda un email al Responsabile Canale Musica

 

Miscellanea - FRANCESCO GUCCINI

 

Molte delle informazioni qui riportate sono dovute alla paziente raccolta di Riccardo Sabbatini <r.sabbatini@linknet.it> e delle sue faq su Guccini.
Sono invece su RecSando grazie alla passione di Stefano Tommasi, (utente recsando :-)),  per l'artista 

CHI SUONA CON LUI ?

Vince Tempera : Arrangiamenti e Pianoforte
Juan Carlos Biondini: Chitarra
Ellade Bandini: Batteria
Ares Tavolazzi: Basso
Antonio Marangolo: Sax

FILMOGRAFIA

* I Giorni cantati(1979) di Paolo Pietrangeli con P.Pietrangeli,R.Benigni.Interpreta se stesso
* Musica per vecchi animali (1989) - di Stefano Benni con Dario Fo, Paolo Rossi Interpreta la parte del collezionista di caffettiere
--------

Inoltre č l'autore delle musiche del Film di Salvatore Samperi Nenč. Si tratta di due brani strumentali : Nenč e Tema di Ju raccolti in un 45 giri. La chitarra solista č di Flaco Biondini.

FUMETTI

- Sceneggiature a cura di F. Guccini

[Copertina ] Storie dello spazio profondo disegni di Franco Bonvicini -Bonvi- Mondadori 1979.
[Copertina ] Vita e storia del brigante Bobini detto Gnicche disegni di Francesco Rubino - Lato Side 1980

Fumetti su Guccini

La locomotiva (Staino)
Piglia e Dalla in concerto (Cavezzali) ed. L'isola trovata 19xx
Cantautori (Cavezzali) ed. L'isola trovata 19xx

BIBLIOGRAFIA - LIBRI

* Cronache Epafaniche
* Vacca d'un cane
* La legge del Bar ed altre comiche (maggio '96) comix

----------------

Testi su Guccini e la sua opera

* Guccini (Lato Side)
* Testi (Lato Side)
* Cercando un altro Egitto

** Dischi che contengono pezzi cantati da Guccini:

Club Tenco vol. 1 ("Luci a San Siro", "Gli amici" con Vecchioni)
Club Tenco vol. 2 ("Il frate")
Concerto per Demetrio Stratos ("Canzone per un amica")

** Dischi che contengono canzoni scritte da Guccini:

testo e musica
I Nomadi cantano Guccini (Nomadi)

testo (credo)
Stabiliamo un contatto (Stadio) - "Per la bandiera" e "Swatch"
Di volpi, di vizi e virtu' (Stadio) - "Johnny" (o qualcosa del genere)


** Dischi con canzoni che hanno a che fare con Guccini:

Elisir (R. Vecchioni) - "Canzone per Francesco" e' dedicata a Guccini
Club Tenco vol. 1 - "Canzone per Francesco", canta Vecchioni, dal vivo)

From: acomai@tqs.it (Alessio Comai)
Nell'album "Il volo di Volodija" edito da Club Tenco interpreta una delle poesie-canzoni del poeta russo Visovstzki (non so se S scritto giusto) di cui non ricordo il titolo poiche' l'ho prestato qualche giorno fa ad un amico. Vi faro' sapere.  A proposito, "Il volo di Volodija" S un piccolo capolavoro con interpretazioni di Finardi, Branduardi, Milva, Mingardi, G. Conte, Ligabue, .... oltre che di Guccini, come detto.

From: "Maurizio Ghelli" <maughe@fi.flashnet.it>
Con Morandi e Dalla ha cantato "Emilia" nel disco "Dalla/Morandi" dell'88.

From: L.Monducci@orbatit.it
Un album del '75 "Grande Italia" a cui partecipa anche Piero Guccini (il fratello di cui avete notizie non sia per caso quello di Infomedia...) ivi canta "Le belle domeniche".

Domande e Risposte ricorrenti
) Nelle dediche su DaDmeDS (D'Amore, Di Morte e di altre Sciocchezze), chi sono Victor e Bonvi?

Dal CD DaDmeDas di Guccini, "a Victor e a Bonvi".Bonvi e'... BONVI! :-) (un saluten anche da un soldaten semplicen)

From: teletra@halley.connet.it (Teletra) Victor Sogliani, bassista dell'Equipe '84, amico di Guccini, con il quale Francesco suonava nel gruppo "I Gatti", diventati
appunto in seguito Equipe '84. Purtroppo scomparso nella primavera del '95.

) Su "<also sprach> di maturazione" in "Quattro stracci" (DaDmeDaS)

From: Giuseppe Malaguti <malaguti@tesre.bo.cnr.it> Mai sentito parlare di "Also sprach Zarathustra" ?

From: giorgi@dsd.sta.uniroma1.it (Piero Giorgi) dancin@racine.ravenna.it (Dancin') wrote:
>A mio modesto avviso, il "ma poi chi ha detto che tu abbia ragione coi 
>tuoi also sprach di maturazione" si riferisce alla brutta abitudine 
>che certe persone mantengono anche nell'etā adulta di fare proprie 
>senza troppe remore delle espressioni divenute celebri per bocca di
>persone a cui si dā un "peso" morale, storico e culturale.

In "Incontro - Analisi di una canzone" (Guccini, Lato Side Editori,
1981), lo stesso Guccini nel descrivere frase per frase significato e struttura del testo, mostra, se mai ve ne fosse bisogno, l'importanza che egli da ad ogni singola parola ed al suo significato corrente e quando calata nel contesto; partendo da questo presupposto - ossia Guccini utilizza le parole che occorrono e non quelle che rimano - l'interpretazione da te data sul ruolo di "also sprach" sembrerebbe corretta, se riferita a coloro che usano parlare per frasi fatte. In tal caso pero' non si evince chiaramente il significato della specificazione "di maturazione" che nel significato da te attribuito alla frase dovrebbe suonare invece come "di immaturita'". Darei, allora, al testo una lettura meno complessa e piu' lineare: i versi precedenti sembrano mostrare un'accusa fatta dalla moglie a Guccini di immaturita' (invecchiare senza maturita'), accusa mossa con i toni di colei che non dubita di cio' che afferma. "also sprach" sarebbe allora riferito al modo secco di affermare una cosa usato dalla moglie e non al presunto suo ricorso a frasi fatte. I toni secchi le deriverebbero allora dalla sua "maturazione".

) Su "Stelle" in DaDmeDaS

From: Giuseppe Malaguti <malaguti@tesre.bo.cnr.it>
Nella canzone "Stelle" dell'ultimo album ho notato (anche un po` per mia deformazione professionale) una "licenza poetica" particolare:
gli ultimi tre versi della terza strofa recitano:
"...e che l'ambiguo segno dei Gemelli 
governi il corso della mia stagione 
scontrandosi e incontrandosi nel cielo dello Scorpione ?"
Ora, Guccini, si sa, e` dei Gemelli; e questo spiega i primi due versi.
La costellazione dei Gemelli (alpha=7, delta= 20nord) pero`, e` molto lontana, e quindi non la "incontra", da quella dello  Scorpione (alpha=17, delta=40sud). 
Il verso in questione e` pertanto da leggersi in senso "metaforico". Che forse le donne (oramai numerose ?) della sua vita fossero tutte dello Scorpione ? Mah...., bisognerebbe chiederglielo....

) Chi e' la K.D. de "L'orizzonte di K.D."?

From: m.guiducci@leonet.it (Marco Guiducci)
K.D. (quella dell'orizzonte) non e' la Kooperman, ma Karin Dunn sorella della fiamma della Pennsylvania, fiamma di cui G. canta in numerose canzoni tra cui "100, Pensylvania Ave". Lo si legge a pag. 23 del libro a cura di Massimo Bernardini della Franco Muzzio Ed.


) Chi e' Van Loon dell'omonima canzone di "Signora Bovary"?

From: Peppe <cpeppe@ing.univaq.it>
Da qualche parte ho letto che il brano e' dedicato a suo padre. Del resto il testo si presta a questa interpretazione (.. quanti anni giorno per giorno dobbiamo vivere con uno ... viveva ed io lo credevo morto, o peggio inutile solo per la distanza tra i suoi miti vecchi .. e la mia ignoranza...). Qualcuno puo' confermare?

From: m.guiducci@leonet.it (Marco Guiducci)
Leggo dal libro Guccini a cura di Massimo Bernardini (1987, Franco Muzio Editore): "Dopo la canzone per i figli (Culodritto ndr), la canzone per i padri. Van Loon era uno scrittore di storia, geografia e varia umanita' degli anni 30-40, e lo trovavi regolarmente nelle case di quelli che non avevano potuto studiare ma il desiderio era rimasto, come e' accaduto a molti padri di persone della mia generazione..." Inoltre da un'intervista a "La Repubblica", dopo l'uscita dell'album: "V.L. era un autore degli anni trenta quaranta, uno scrittore della generazione dei nostri padri: io l'ho identificato con quella generazione che da giovane pensi fatta di perdenti. E crescendo ti accorgi che tuo padre non era un perdente, era semplicemente uno costretto a vivere cosi'. Da giovani si pensa che mai si scendera' a compromessi, che nessuno potra' mai costringerci. Col tempo si cambia idea."

) Chi e' Roland Barthes citato in "Via Paolo Fabbri 43"?

From: Giuseppe Malaguti <malaguti@tesre.bo.cnr.it>
Si tratta di ROLAND BARTHES.
Francese (1915-1980). Ha studiato letteratura all'universita` di Parigi. E` stato docente in varie universita` europee e non, ed infine al collegio di francia. Ha lavorato lungamente al centro nazionale di ricerca scientifica (francia) occupandosi in particolare di sociologia, studi lessicali, semiotica, .... Per cominciare a conoscerlo potrei consigliarti "Miti d'oggi".

From: bog2902@iperbole.bologna.it (alessandro)
e un grande semiologo francese dal talento ecclettico autore da una parte di fondamentali saggi sdi ispirazione strutturalista e poststrutturalista sulla natura del linguaggio e della sua dimensione segnica, e dall'altra di opere in cui sfrutta la sua acutezza e la sua perspicacia semiotica per affrontare temi di attualita' come la pubblicita'. Per cominciare ti consiglio Mytologies che esiste tradotto in italiano (Penso con "Miti oggi").

From: aldib <aldib@mbox.vol.it>
Roland Barthes 1915-1980, semiologo, linguista e filosofo  francese, protagonista fondamentale del '900. Suo merito principale (a mio avviso) aver unificato in una teoria la 
semiotica, la linguistica, la psicologia sociale, la psicanalisi, la  filosofia strutturalista. 

) Chi e' la Silvia di "Canzone per Silvia"?

From: L.Monducci@orbatit.it
Silvia Baraldini. Troverai dettagli su Silvia Baraldini - prigioniera "politica" in america da molti anni - in: http://www.mclink.it/assoc/malcolm/prison/silvia/home.htm
Gli Stati Uniti rifiutano di applicare la convenzione per cui i prigionieri possono scontare la pena nel proprio paese.

) Che cosa significa "shomer ma mi-llailah?" dell'omonima canzone?

From: aldib <aldib@mbox.vol.it>
La canzone si trova nel disco intitolato semplicemente GUCCINI, del 1983. Il significato dell'oscuro verso, oltre ad evincersi dal testo della canzone e' comprensibile se lo si inserisce nel suo giusto contesto. Il verso e' in lingua ebraica ed S tratto dalla Bibbia, esattamente dal libro di Isaia al cap. 21, la traduzione dovrebbe essere, piu' o meno: Sentinella a che punto e' la notte? aggiungo un paio di versetti (undici e dodici), tratti dallo stesso capitolo del libro di Isaia per migliorare la comprensione (se avete la Bibbia leggetevi comunque l'intero capitolo).

Questo messaggio riguarda Edom.
Qualcuno chiama da Seir:
"Sentinella, quando finisce la notte? Dimmi, quanto manca all'alba? . La sentinella risponde: "Arriva l'alba, ma presto anche la notte.  Se volete fare altre domande, tornate di nuovo

Almeno questo e' quello che ho sempre saputo, al di la' delle  interpretazioni che si possono dare della canzone (che e' una di quelle  che io amo di piu', di uno degli album piu' belli del nostro - parere  personale). Nel libretto dell'album il verso viene tradotto come: "Vedetta, quanto resta nella notte?" 


From: astromar@flashnet.it
la canzone si intitola esattamente "shomer ma mi-llailah?" ed č contenuta nell'album "guccini". e questo te lo sapevano dire tutti. quello che pochi sanno dirti e che questa strana frase non č uno scioglilingua ma S ebraico e precisamente S un versetto del Talmud e tradotto significa "guardiano chi c'č nella notte?". prego per le informazioni, se ne vuoi di pi- dettagliate, riscrivimi direttamente in e-mail.

) Vorrei (alcune precisazioni direttamente da Flaco Biondini)

From: linosq@mbox.vol.it (Lino Sq.)
Ho letto il quesito di Marco Mellano a proposito dei musicisti che hanno lavorato a VORREI. Ieri sera ho catturato Flaco (GRAZIE per il MITICO da parte sua !) per avere chiarimenti e li ho avuti. Non e' molto facile perche' Carlos e' una persona molto disponibile ma purtroppo vive ancora con il fuso orario di Buenos Aires e prima delle
2 di mattina e' irreperibile. Alla terza bottiglia di Corvo Bianco io ero poco lucido ma Flaco mi ha svelato l'arcano, cerco di riferire quello che posso:
-- in effetti la casa discografica si e' DIMENTICATA nelle prime 70.000 copie di indicare in copertina i crediti, nelle ristampe successive tutto e' andato a posto -- Carlos FLACO BIONDINI ha suonato tutti i pezzi alla chitarra come fa ormai da moltissimi anni per Guccini (come potrebbe essere diversamente !) -- Vince Tempera si e' occupato dei bassi e Bandini era alla batteria. --Purtroppo il flauto di pan e' una tastiera suonata da Roberto Manuzzi, le altre tastiere da Vince Tempera. -- Gli assoli di sax (in particolare in Lettere e Stelle) sono di Antonio Marangolo --Gli arrangiamenti sono COLLETTIVI (Flaco ci tiene molto !) -- Nel brano "Il Caduto" c'e' il coro Stelutis di Bologna diretto dal maestro Giorgio Bacchi ed inciso dalla Fonoprint di Bologna nella seconda meta' di settembre. -- Saluti e Auguri a tutti da FLACO !

Questo e' quanto ho potuto annotare compatibilmente con il mio tasso alcoolico ormai piuttosto elevato, Carlos era perfettamente a suo agio. A proposito se servono altre informazioni ho bisogno di essere sponsorizzato dal produttore del vino Corvo ! 
Aggiungo infine un'informazione mia: 
Forse non tutti sanno che Flaco ha pubblicato un suo CD che si chiama "FLACO BIONDINI LIVE" distribuito dallo Spazio Musica di Pavia. Non e' facile da trovare ma ne vale la pena !

From: teletra@halley.connet.it (Teletra)
Caro Lino,
vorrei correggere alcuni dati forniti nella tua lettera: conosco  benissimo gli effetti del Corvo Bianco e i suoi influssi malifici sulla  memoria. - Il basso nel disco viene, come sempre, egregiamente suonato da Ares Tavolazzi e NON da Vince Tempera. - L'armonica a bocca da Roberto Manuzzi - L'assolo di sax baritono in "Il Matto" viene eseguito da Roberto Manuzzi - Il direttore del coro Stelutis si chiama Vacchi e non Bacchi 
In ogni caso apprezzo, nonostante il Corvo, la tua precisione.
Linuccio (che č il mio nome e non un diminutivo del tuo)

) Da dove e' preso il verso "The triangle tingles and the trumpet plays slow" della canzone "Farewell"?

From: mazzoldi@iol.ie (Anna Mazzoldi)
Si tratta di un verso dalla canzone "Farewell Angelina" di Bob Dylan - citata per l'appunto nella canzone di Guccini.

) Maccaroni'

From: g.sonego@pianeta.it (Giovanni Sonego)
Sto leggendo "Maccaroni'", il giallo scritto da Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli. il papa' dell'ispettore Sarti, un detective molto umano interpretato in una celebre serie televisiva da Gianni Cavina.

Maccaroni' racconta intrecciandole due storie ambientate in Francia e sull'appennino bolognese. Tutto inizia con la strana morte di un prete nel '39...  Non voglio dirvi altro, se non che il romanzo e' appassionante, scritto in modo scorrevole e che si legge d'un fiato. 


From: L.Monducci@orbatit.it
Mi dichiaro senz'altro d'accordo il romanzo scorre che e' un piacere molto piu' dei precedenti... Comunque la mano del Guccio e' sempre li' a ricordare vocaboli quali Pozzoni e il fiume gia' letti nei precedenti. La parte relativa all'immigrazione di fine '800 degli Italiani in Francia e' un piccolo gioiellino che descrive le condizioni dei nostri immigrati e le reazioni del popolo francese. Fa bene un po' a tutti leggerci queste pagine come vaccino alle (umane) reazioni xenofobe. "Il toscanino" picchiato perche' esponeva la sua povera merce davanti alle vetrine mi ha -per esempio- ricordato la reazione dei bottegai fiorentini verso i Senegalesi che esponevano elefantini in Via Calzaiuoli.

CURIOSITA' VARIE

Nato a Modena nel 1940 [qualcuno conosce il giorno e il mese?] In gioventu' e' stato cronista della "Gazzetta di Modena". Ha cominciato a suonare e scrivere canzoni alla fine degli anni '50 e a meta' degli anni '60 e' uscito il suo primo LP. Per vent'anni ha insegnato lingua italiana al Dickinson College di Bologna. Nel 1989 e' uscito il suo primo romanzo, Croniche Epafaniche, seguito nel 1993 dal secondo, Vacca d'un cane.

) Curiosita' varie

From: giorgi@dsd.sta.uniroma1.it (Piero Giorgi)
* Frammento inedito da Poveri bimbi di Milano:
Poveri bimbi di Milano
che diventerete da grandi
poveri ladri di panettone
e giornalisti d'opinione.
(F. Guccini, a cura di V. Mollica, Lato Side Editori, 1981)

* Il 6 ottobre 1977 Grand Hotel dedico' a Guccini la copertina con il seguente titolo "Il papa' che tutti i giovanissimi avrebbero voluto avere".

* Bruno Lauzi - Persone (Numero Uno)
Io cantero' politico
ma il giorno e' ancor lontano
per ora sono l'unico ad andar contromano,
e i miei finti colleghi
che fan rivoluzioni
seduti sopra pacchi di autentici milioni
dovranno ritornare al ruolo di pulcini
lasciando intatto il candido e poetico Guccini.

From: a.calvani@ba.nettuno.it (Antonio Calvani)
* Frammento inedito de "Il sociale e l'antisociale"
Odio gli alti funzionari
doganieri reazionari
sbirri e stato e scocciatori della vita
odio il culto ed il rispetto le carriere ed il concetto
qualsivoglia autoritā costituita.

From: luca.carrera@its.it (Luca Carrera)
* Volevo segnalare a tutti i Gucciniani una simpatica intervista che il Nostro fa a Piero Chiambretti. Si trova su http://globnet.rcs.it/max/star_4.htm sito del mensile MAX.

From: L.Monducci@orbatit.it
* A proposito di libri. Vi segnalo anche Jimmy Villotti "Gli sbudellati" con un sottotitolo (tra la via Emilia e il Jazz) che al mio orecchio sembra una citazione (di cosa non so' :-)) e con l'introduzione di un giovane cantautore modeno-pavano-bolognese tal Francesco Guccini.

 

Torna Su

RecSando (1995-2023) La tua Piazza Virtuale

rendering time: 0,00000s