Home RecSando

v3.0org

Connessi:

 martedì 18 giugno 2019 Ore: 07:02

MENU ASSOCIAZIONI

Home
 

Forum
Registro Utenti
Agenda Eventi
Rec-Cartoline
Rassegna Stampa
Rec-Sondaggi
RecScatto
Novità del Sito
Cerco-Offro

Musica
Fumetti
Mistika
X non Dimenticare
Protezione Civile
Cucina
Canale Arte
Multimedia

Associazioni
Biblioteche
Città
Comitati
Commercio
Farmacie
Mercati
Metropolitana
Norme & Leggi
Numeri Utili 
Orari Trasporti
Parrocchie
Pulizia Strade
Ricorrenze
Sanità e Salute
Scuole
SDM in Rete
Sommario

Cerca nel Sito
Meteo

Chi siamo
Rec-Eventi
Speciali RecSando

Associazioni a San Donato Milanese e dintorni

La Fondazione Luciana Marchetti Notari 

La Fondazione Luciana Marchetti Notari è nata 10 anni fa per la volontà di amici, colleghi, delle Amministrazioni Comunali di San Donato, San Giuliano, Peschiera Borromeo e di altri Comuni del Distretto scolastico 57, per fare in modo che, dopo la morte prematura della professoressa a cui la Fondazione è intitolata, la sua opera non fosse del tutto interrotta, ma continuasse ancora a vivere qualcosa di lei, cioè la sua fede in quei valori di solidarietà, d'impegno politico e sociale per i quali essa aveva impegnato tutta la sua vita.
Luciana Marchetti ricoprì incarichi di responsabilità presso l'IRSSAE Lombardia, dove si adoperò per l'aggiornamento degli insegnanti.
Come Assessore alla Pubblica Istruzione e Cultura del Comune di San Donato promosse l'istituzione del Consorzio di Formazione Professionale del Sud Milano e della Scuola musicale "F. Gaffurio", oggi Civico Istituto Musicale G:B. Sammartini.
Si adoperò molto per qualificare il quartiere Certosa, dove volle fosse costruito l'edificio scolastico di via Parri, che attualmente ospita oltre alla scuola media, la Biblioteca decentrata ed altri servizi.
Come insegnante, preside e assessore, Luciana Marchetti si è sempre interessata ai giovani ed era solita affermare che "la scuola, per poter assolvere pienamente la sua funzione, deve creare situazioni di crescita culturale e personale che completino l'azione educativa". Questo suo messaggio è stato raccolto e si è concretizzato nel premio annuale a lei dedicato e destinato ai giovani studenti delle scuole medie superiori del Distretto 57, o ad Associazioni e Gruppi giovanili, per incentivarli all'impegno ed a promuovere interessi sociali, politici e culturali, in modo da favorire la consapevolezza di sè e del mondo che li circonda, stimolando così la loro crescita personale.

E' opportuno ora ricordare le tematiche sulle quali i giovani studenti hanno svolto, negli anni precedenti, impegnativi lavori di analisi, riflessione e documentazione, facendo presente che questi elaborati possono essere consultati presso la Biblioteca di via Parri.

1988 - Il lavoro considerato negli aspetti più congeniali all'indirizzo di studio e alle problematiche giovanili
1989 - La comunicazione e il sociale
1990 - I giovani e l'Europa
1991 - I giovani e la loro città
1992 - I giovani e l'incontro con altre culture
1993 - Crisi istituzionale e disagio giovanile
1994 - I giovani e i tempi della vita
1995 - La Resistenza: storia ed attualità
1996/97 - I giovani ed i loro luoghi di aggregazione

Nel 1998 hanno partecipato al premio un gruppo di studenti dell'Istituto Commerciale "V. Benini" di Melegnano, con il progetto "Sound Land", il Centro sociale autogestito Eterotopia di San Giuliano con la proposta di una sala prova musicale ed il Liceo Scientifico "C. Levi" di San Donato, rappresentato da tutte le componenti: alunni, docenti e genitori per la redazione di un giornalino "OMNIA", rivolto a tutti i cittadini, anche mediante il collegamento con RecSando.
Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione ha ritenuto di assegnare il premio di L. 4 milioni alla realizzazione di "OMNIA" del Liceo C. Levi per sostenere questa iniziativa, che è stata considerata la più adeguata alle finalità della Fondazione stessa e la più significativa per quanto riguarda la comunicazione sul piano sociale.
La Fondazione si propone, anche per il futuro, di essere per tutti, Enti, Amministrazioini comunali, associazioni giovanili, occasione di stimoli culturali e sociali che facciano lievitare, in una realtà alquanto eterogenea, la consapevolezza di appartenere ad un contesto in cui tutti i cittadini si adoperano per costruire una effettiva integrazione, lavorando essenzialmente sul piano degli autentici valori.

 

 

Torna Su

RecSando (1995-2019) La tua Piazza Virtuale

rendering time: 0,00195s

 

 

La Fondazione Luciana Marchetti Notari 

La Fondazione Luciana Marchetti Notari è nata 10 anni fa per la volontà di amici, colleghi, delle Amministrazioni Comunali di San Donato, San Giuliano, Peschiera Borromeo e di altri Comuni del Distretto scolastico 57, per fare in modo che, dopo la morte prematura della professoressa a cui la Fondazione è intitolata, la sua opera non fosse del tutto interrotta, ma continuasse ancora a vivere qualcosa di lei, cioè la sua fede in quei valori di solidarietà, d'impegno politico e sociale per i quali essa aveva impegnato tutta la sua vita.
Luciana Marchetti ricoprì incarichi di responsabilità presso l'IRSSAE Lombardia, dove si adoperò per l'aggiornamento degli insegnanti.
Come Assessore alla Pubblica Istruzione e Cultura del Comune di San Donato promosse l'istituzione del Consorzio di Formazione Professionale del Sud Milano e della Scuola musicale "F. Gaffurio", oggi Civico Istituto Musicale G:B. Sammartini.
Si adoperò molto per qualificare il quartiere Certosa, dove volle fosse costruito l'edificio scolastico di via Parri, che attualmente ospita oltre alla scuola media, la Biblioteca decentrata ed altri servizi.
Come insegnante, preside e assessore, Luciana Marchetti si è sempre interessata ai giovani ed era solita affermare che "la scuola, per poter assolvere pienamente la sua funzione, deve creare situazioni di crescita culturale e personale che completino l'azione educativa". Questo suo messaggio è stato raccolto e si è concretizzato nel premio annuale a lei dedicato e destinato ai giovani studenti delle scuole medie superiori del Distretto 57, o ad Associazioni e Gruppi giovanili, per incentivarli all'impegno ed a promuovere interessi sociali, politici e culturali, in modo da favorire la consapevolezza di sè e del mondo che li circonda, stimolando così la loro crescita personale.

E' opportuno ora ricordare le tematiche sulle quali i giovani studenti hanno svolto, negli anni precedenti, impegnativi lavori di analisi, riflessione e documentazione, facendo presente che questi elaborati possono essere consultati presso la Biblioteca di via Parri.

1988 - Il lavoro considerato negli aspetti più congeniali all'indirizzo di studio e alle problematiche giovanili
1989 - La comunicazione e il sociale
1990 - I giovani e l'Europa
1991 - I giovani e la loro città
1992 - I giovani e l'incontro con altre culture
1993 - Crisi istituzionale e disagio giovanile
1994 - I giovani e i tempi della vita
1995 - La Resistenza: storia ed attualità
1996/97 - I giovani ed i loro luoghi di aggregazione

Nel 1998 hanno partecipato al premio un gruppo di studenti dell'Istituto Commerciale "V. Benini" di Melegnano, con il progetto "Sound Land", il Centro sociale autogestito Eterotopia di San Giuliano con la proposta di una sala prova musicale ed il Liceo Scientifico "C. Levi" di San Donato, rappresentato da tutte le componenti: alunni, docenti e genitori per la redazione di un giornalino "OMNIA", rivolto a tutti i cittadini, anche mediante il collegamento con RecSando.
Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione ha ritenuto di assegnare il premio di L. 4 milioni alla realizzazione di "OMNIA" del Liceo C. Levi per sostenere questa iniziativa, che è stata considerata la più adeguata alle finalità della Fondazione stessa e la più significativa per quanto riguarda la comunicazione sul piano sociale.
La Fondazione si propone, anche per il futuro, di essere per tutti, Enti, Amministrazioini comunali, associazioni giovanili, occasione di stimoli culturali e sociali che facciano lievitare, in una realtà alquanto eterogenea, la consapevolezza di appartenere ad un contesto in cui tutti i cittadini si adoperano per costruire una effettiva integrazione, lavorando essenzialmente sul piano degli autentici valori.