Home RecSando

v3.0org

Connessi:

 sabato 21 settembre 2019 Ore: 12:59

MENU ARTE

Home Arte
Lista Artisti
Galleria Opere
Arte in Vetrina
Metti le tue foto!

Forum
Registro Utenti
Agenda Eventi
Rec-Cartoline
Rassegna Stampa
Rec-Sondaggi
RecScatto
Novità del Sito
Cerco-Offro

Musica
Fumetti
Mistika
X non Dimenticare
Protezione Civile
Cucina
Canale Arte
Multimedia

Associazioni
Biblioteche
Città
Comitati
Commercio
Farmacie
Mercati
Metropolitana
Norme & Leggi
Numeri Utili 
Orari Trasporti
Parrocchie
Pulizia Strade
Ricorrenze
Sanità e Salute
Scuole
SDM in Rete
Sommario

Cerca nel Sito
Meteo

Chi siamo
Rec-Eventi
Speciali RecSando

CANALE ARTE

Scheda Personale

Nome: Ermenegildo Nova
Email:

Specialità: pittura
Associazione: A.S.D.A.

Il mosaico è una composizione pittorica ottenuta mediante l'utilizzo di frammenti di materiali (tessere) di diversa natura e colore (pietre, vetro, conchiglie), che può essere decorata con oro e pietre preziose
Non è facile stabilire con precisione l'origine del mosaico: l'uomo ha da sempre manifestato una naturale inclinazione a decorare suppellettili o architetture, utilizzando sia pigmenti sia pietruzze già colorate dalla natura stessa.

Lo stesso termine mosaico è di origine incerta: alcuni lo fanno derivare dal greco µουσαικόν (musaikòn), "opera paziente degna delle Muse"; in latino veniva chiamato opus musivum, cioè "opera delle Muse" oppure "rivestimento applicato alle grotte dedicate alle Muse stesse". Il richiamo alle Muse è dovuto all'usanza degli antichi romani di costruire, nei giardini delle ville, grotte e anfratti dedicati alle Ninfe (ninpheum) o Muse (musaeum), decorandone le pareti con sassi e conchiglie. Quindi musaeum o musivum indica la grotta e opus musaeum o opus musivum indica il tipo di decorazione murale. In seguito si affermò l'uso dell'aggettivo musaicus ad indicare l'opera musiva.

Potrebbe derivare anche dall'arabo muzauwaq, che significa "decorazione". C'è chi, invece, vi ha visto la radice di un vocabolo semita, soprattutto quando la parola viene usata come aggettivo, che potrebbe legarsi al termine "Mosè", quindi "pertinente a Mosè".

Sono state indicate anche altre locuzioni, quali musium che significa esprimere qualcosa con diversi colori, oppure museos nel senso di elegante. Le ipotesi però sono molte e nessuna sembra avere titoli sufficienti per prevalere sulle altre.

Le tessere erano chiamate in greco ἀβακίσκοι (abakìskoi), quadrelli (da ἄβαξ (àbax), tavoletta), mentre in latino abaculi, tesserae, tessellae.


Galleria
dell'Artista
(11 opere)

Curriculum

Mi accostai per la prima volta all'arte frequentando l'Accademia delle belle arti di Brera nel 1955.
Nel 1970 frequentai la Scuola Superiore di Arte Grafica del Castello Sforzesco, poi per motivi di lavoro non feci più nulla o quasi.

Nel corso degli anni curiosando nei vari mercatini, trovai un libro che spiegava come creare un Mosaico e da quel momento mi interessai a quel tipo di arte, visitando le varie Basiliche attorno a Ravenna e quelle interne ad essa. Fu in quel momento che si risveglò in me la mia passione per larte.

Cominciai i primi lavori costruendo una rosa dei venti, sopra un tavolo rotondo, con materiali di scarto come le piastrelle che si usano per i pavimenti, continuai la ricerca di nuovi materiali, come la ceramica Antigeliva, nosaico in vetro, ed in vetro con Avventurina, vetri, sassi, sabbia, etc. nella continua ricera di forme di espressione.

PRINCIPALI MOSTRE

Mostra Collettiva "Cascina Roma di San Donato Milanese" nell'anno 2009

Mostra Collettiva delle associazioni artistiche di Milano e hinterland "Politeatro di Viale Lucania" nell'anno 2009

cell. 333.4367999

 

Torna Su

RecSando (1995-2019) La tua Piazza Virtuale

rendering time: 1,60156s