Home RecSando

v3.0org

Connessi:

 martedì 20 agosto 2019 Ore: 01:26

 FUMETTI

Autori
Eddie Campbell
Burne Hogarth
Scott McCloud
Barron Storey
Dave McKean
Neil Gaiman
Alan Moore
 

Forum
Registro Utenti
Agenda Eventi
Rec-Cartoline
Rassegna Stampa
Rec-Sondaggi
RecScatto
Novità del Sito
Cerco-Offro

Musica
Fumetti
Mistika
X non Dimenticare
Protezione Civile
Cucina
Canale Arte
Multimedia

Associazioni
Biblioteche
Città
Comitati
Commercio
Farmacie
Mercati
Metropolitana
Norme & Leggi
Numeri Utili 
Orari Trasporti
Parrocchie
Pulizia Strade
Ricorrenze
Sanità e Salute
Scuole
SDM in Rete
Sommario

Cerca nel Sito
Meteo

Chi siamo
Rec-Eventi
Speciali RecSando

Batman: Year One

<s> Frank Miller, <a> David Mazzuchelli, <e> DC Comics [2/87] miniserie in quattro parti

Per me la seconda miglior storia di Batman mai raccontata.
La sua bellezza sta nel fatto che la narrativa e' molto debitrice del genere noir e in particolare quello "hardboiled" e per questo si discosta notevolmente dal classico stile usato per questo genere di storie, inoltre, la trama e' incentrata per larga parte sul commissario Gordon e di come lui prenda servizio a Gotham proprio quando Bruce Wayne decide di fare il giustiziere. E' interessante il parallelo che Miller fa tra il commissario alle prese con una citta' marcia fino al midollo dove quasi tutti dal primo cittadino fino all'ultimo sbirro sono implicati in faccende poco pulite, con un figlio che sta per nascere e che gli fa continuamente pensare se sia giusto o meno vista la ferocia del mondo e un matrimonio a dir poco traballante e i problemi che ha Wayne nell'iniziare la sua carriera da vigilante (a confronto cone quelle del commissario le sue grane fanno ridere...).
Lo stile usato da Miller nel raccontare questa storia implica un certo realismo e in effetti ci mostra chiaramente come il novello Batman se la sia potuta cavare nelle prime missioni: con una incredibile e massiccia dose di fortuna! 
Certo il realismo viene meno nella scena centrale quando Batman riesce a scappare (con una pallottola in una gamba) da un team della SWAT armato di tutto punto ma tant'e'...
La scrittura e' estremamente asciutta e non dice mai piu' del necessario al resto ci pensano i magnifici disegni di Mazzucchelli e anche lui opta per un tratto elaboratamente semplice ed essenziale, un caso di perfetta simbiosi tra artista e scrittore dove le parole e i disegni si combinano perfettamente per dare cio' che da sole non riuscirebbero: da queste parti lo chiamiamo fumetto.
Letture

Torna Su

RecSando (1995-2019) La tua Piazza Virtuale

rendering time: 0,00000s